Ricostruzione dell’azione antifascista nel territorio del cremonese e piacentino

Resistenza nel cremonese e piacentino

Ricostruzione dell’azione antifascista nel territorio del cremonese e piacentino

€ 12

Il titolo presenta l’importanza ad oggi di continuare a parlare della Resistenza, non solo per motivi emotivi, personali, ma facendo un’analisi storica-sociale di questo fenomeno che è stato il più importante per la futura Repubblica Italiana, perché ha posto le basi per il vero esercizio democratico ed ha offerto gli strumenti per porre in essere una Democrazia di fatto, non solo sulla carta.

disponibile anche su:
amazon ibslibreriauniversitaria_logo

Annulla selezione

Descrizione prodotto

La ricostruzione dell’azione antifascista in questa opera si sviluppa in alcuni punti, evidenziando la proficua ed eroica coesistenza tra partigiani cremonesi e piacentini: centinaia d’anni di campanilismo frantumanti da una fratellanza comune cementata sotto il fuoco nemico, in virtù della libertà.
Partendo dalle leghe cittadine degli anni ’20, vera panacea dell’eroismo, si arriva ai motivi che hanno fatto nascere l’azione antifascista nel 1942-1943; si illustra il Ribellismo, prima vera forma di Resistenza antifascista, nei lager, fra i prigionieri in Germania, che rappresenta la prima vera forma di Resistenza.
Seguono le crono-storie sulle prime formazioni di resistenza sul territorio cremonese e piacentino, legati dalla vicinanza delle città: Quinta Brigata Pesaro, le S.A.P. Garibaldine, F.Ghinaglia Cremona, le S.A.P. Volanti, quarta Brigata ’B. Ghidetti’, con un resoconto dell’operato delle Fiamme Verdi nel Cremonese, della Brigata Giustizia e Libertà ’Rosselli’, e del Fronte della Gioventù.
L’opera si chiude con le vicende di Arnaldo Bera, emblematiche di come era l’azione ed il pensiero della Resistenza e la controversa questione Farinacci avvenuta a Castelleone, esempio delle discordanze in seno alla stessa resistenza.
Infine un bilancio dell’operato della Resistenza antifascista a livello nazionale e nel cremonese, la grande eredità civile e democratica che questi eroi ci hanno donato con immani sacrifici e privazioni, e spesso con il più grande dei sacrifici: la morte.

Autore

Andrea Vairani, nato a Cremona il 28 agosto del 1975, laureato presso l’università degli studi di Milano in Scienze della storia e della documentazione storica.
Ha contribuito ad ideare ed alla realizzazione della mostra sugli internati militari trevigliesi rinchiusi durante il secondo conflitto mondiale, tenutasi presso il Centro Studi di Treviglio nel 2011.
Attualmente lavora alla realizzazione di uno studio sui rapporti fra servizi segreti alleati e la Resistenza italiana, inoltre progetta video didattici per le scuole elementari e medie inferiori inerenti alla seconda guerra mondiale.
Professionalmente si occupa di Web marketing, tuttavia la storia in tutte le sue forme è il vero elemento cardine della sua vita.
Tale passione parte dai racconti che il nonno paterno Giacomo Vairani, Partigiano castelleonese faceva al nipote Andrea prima della sua dipartita.
Con il tempo tali racconti sono serviti da stimolo per comprendere, cercare e quindi conoscere la verità non solo della Resistenza, ma in tutte le sue forme.

Informazioni aggiuntive

Peso 0,300 kg
Dimensioni 15 x 21 cm
Scegli formato:

Brossura, eBook

Pagine

176

ISBN

978-88-98440-07-8

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Scrivi la prima recensione per “Ricostruzione dell’azione antifascista nel territorio del cremonese e piacentino”