mistero

L’ipotesi di Riemann e il Sessantotto – Cesare Bianco

12.35

Tra gli indagati c’è Chiara Dutto, assistente del primo professore ucciso e legata agli altri due. Con lei negli anni dell’università Giorgis aveva vissuto un’intensa e appassionata storia d’amore, interrotta soprattutto a causa di una diversa visione della politica e di un’opposta valutazione della lotta armata.
Appena laureata, Chiara era scomparsa. Nessuno sapeva dove fosse andata, ma diversi sospettavano che avesse aderito alle Brigate Rosse e fosse entrata in clandestinità.
Dopo due anni era improvvisamente tornata e aveva iniziato la carriera universitaria.
La vicenda si svolge, in una Torino sotto assedio per il primo processo delle BR, nell’ultimo periodo del sequestro Moro. Proprio il giorno in cui il presidente della Democrazia Cristiana viene ucciso, il giallo viene risolto.

Luce – Osvaldo Vernero

11.40

Luce è una quattordicenne che scopre di possedere poteri paranormali; ogni mattina si sveglia con la stanza sottosopra e non ricorda che cosa sia successo. Il suo alter ego è Amanda, giovane donna determinata che sta perdendo il proprio dono. Amanda lavora per la MERC, un’agenzia di intelligence privata che intercetta e usa per i propri scopi i ragazzi speciali. Luce non sa che il risvegliarsi dei suoi poteri è stato captato dalla MERC che incarica il suo migliore cercatore esperto, Matteo Moretti, di trovarla. Sulle tracce di Luce, però, non c’è solo Moretti. Un ex membro della MERC ha percepito il potere della ragazza e la sta cercando. La notizia dell’esistenza di una nuova pre-esper (persona che manifesta capacità extrasensoriali) getta lo scompiglio tra il personale della filiale MERC di Torino. Un romanzo ambientato in una Torino dove paranormale e thriller si intrecciano: ragazzine con poteri straordinari, società segrete che vogliono sfruttare le loro capacità, assassini di fatto e presunti, un mercenario e una poliziotta alla ricerca della soluzione di un mistero.

Il caso Manzoni – Fabio Mongardi

12.00

Notte del 7 luglio 1945: in una piccola frazione della bassa Romagna vengono brutalmente sterminati tutti i componenti della famiglia dei conti Manzoni, grossi proprietari terrieri e lontani parenti dello scrittore Alessandro Manzoni.
L’eccidio, mai del tutto chiarito, provocò all’epoca forti polemiche e interrogazioni parlamentari. Ancora oggi si discute e ci si interroga sulle vere motivazioni che spinsero quegli uomini, a guerra finita, a compiere quel gesto scellerato.
A metà strada fra il noir e il romanzo d’inchiesta, il testo si cala dentro la storia, rievocando, attraverso la voce dei protagonisti, la drammatica atmosfera da guerra civile che ha insanguinato l’Italia di quegli anni.

disponibile anche su:
ibslibreriauniversitaria_logo

Scarica l’anteprima del libro: